Soneto XXXII

Por Michelangelo Buonarroti Sento d'un foco un freddo aspetto acceso che lontan m'arde e sé con seco agghiaccia; pruovo una forza in due leggiadre braccia che muove senza moto ogni altro peso. Unico spirto e da me solo inteso, che non ha morte e morte altrui procaccia, veggio e truovo chi, sciolto, 'l cor m'allaccia, e da chi giova sol mi sento offeso. Com'esser può, signor, che d'un bel volto ne porti 'l mio così contrari effetti, se mal può chi non gli ha donar altrui? Onde al mio viver lieto, che m'ha tolto, fa forse come 'l sol, se…

Continuar leyendo

SONETO XXXI

Por Michelangelo Buonarroti Correo voler, Signor, quel ch'io non voglio: Tra 'l foco e 'l cor di ghiaccia un vel s'asconde Che 'l foco ammorza, onde non corrisponde la penna all'opre, e fa bugiardo 'l foglio. I' t'amo con la lingua, e poi mi doglio c'amor non giunge al cor; né so ben onde apra l'uscio alla grazia che s'infonde nel cor, che scacci ogni spietato orgoglio. Squarcia 'l vel tu, Signor, rompi quel muro che con la suo durezza ne ritarda il sol della tuo luce, al mondo spenta! Manda 'l preditto lume a noi venturo, alla tuo bella…

Continuar leyendo

Fin del contenido

No hay más páginas por cargar

Cerrar menú